Finanza Islamica

Musharaka decrescente e mutuo islamico

La musharaka é uno dei modi di finanziamento che più rispecchiano la filosofia della finanza islamica. Abbiamo già spiegato brevemente il suo funzionamento in un altro articolo, e questa volta vedremo un altro aspetto interessante di questo tipo di partnership islamico: quello di musharaka decrescente.

La musharaka decrescente (in arabo: “musharaqa mutanaqisa” ; in inglese: “diminishing musharakah” o “declining balance partnership”) è una delle strutture più utilizzate nel mutuo islamico di vari paesi che adottano la finanza islamica nel mondo, e consiste di due contratti distinti e separati (uno di partnership e un altro di locazione, o ijarah), in cui il cliente beneficiario gioca sia il ruolo di socio che quello di affittuario dell’ente finanziatore. Quest’ultimo, a sua volta, gioca un ruolo decisamente diverso dal ruolo tradizionale di finanziatore perché, nella musharaka decrescente, egli é parte attiva in un contratto di società, e ne assume non solo i vantaggi, ma anche i rischi che questo comporta.

Per fare un esempio concreto, supponiamo che l’ente finanziatore sia una banca: l’istituto di credito entra in partnership (primo contratto) con il cliente per l’acquisto dell’immobile individuato, e versa una quota per il suo acquisto (ad esempio l’80% del prezzo dell’immobile), lasciando l’acquisto della parte rimanente al cliente. Con il secondo contratto la banca affitta al cliente la sua porzione della casa (l’80%) ad un canone mensile che é equivalente alle rate di rimborso del finanziamento più il profitto della banca. Le rate (generalmente mensili) pagate dal beneficiario vanno a incrementare la sua quota di partecipazione nella musharaka e, quindi, nella proprietà della casa, che così aumenta man mano che quella della banca diminuisce. Questo processo prosegue fino al completo pagamento delle rate e al riscatto dell’intero immobile da parte del cliente, che avviene tramite un trasferimento di proprietà. È importante sottolineare che, durante l’intero tempo di “mutuo”, entrambi i partner sono comproprietari dell’immobile.

Le banche islamiche e le istituzioni finanziarie islamiche ricorrono spesso alla musharaka decrescente quando investono in un progetto, in una joint venture, in un’attività di business, o nelle lettere di credito. E’ chiaro che, come richiesto dal principio di Profit-and-Loss Sharing, le due parti coinvolte nel contratto condividono i profitti ma anche le eventuali perdite derivate da un eventuale fallimento del progetto.

La musharaka decrescente viene utilizzata anche nell’ambito della microfinanza, seguendo lo stesso meccanismo: partecipazione nell’equity, condivisione dei profitti, e decrescita graduale della quota di partecipazione del partner finanziatore – fino al trasferimento completo della quota, alla data di scadenza, al cliente che ha beneficiato del finanziamento.

1 Comment

1 Comment

  1. besmir

    16 febbraio 2017 at 19:03

    buona sera .
    cosa bisogna fare per richiedere un mutuo

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

To Top