Fashion

London Muslim Lifestyle Show

– di Vittorio Nigrelli –

Il 15 e 16 aprile, all’Olympia di Londra, si terrà uno dei festival di economia islamica con più partecipazione in Occidente. Il London Muslim Lifestyle Show aveva registrato più di 20.000 visitatori alla sua prima edizione, nel 2016. Una cifra sorprendente, che Waleed Jahangir, ideatore dell’evento, promette di migliorare, puntando a raggiungere quota 25.000. Diversi fattori contribuiscono al successo di questo evento: la presenza massiccia di imprenditori del settore halal nel Regno Unito; una città culturalmente aperta che si presta perfettamente a ospitare eventi di questa portata come Londra; l’esperienza del Director del London Muslim Lifestyle Show, Kevin Jackson, guru del marketing con una lunga serie di vittorie alla spalle, dalle collaborazioni con Saatchi alla gestione del reparto marketing della prima Playstation.

Ma che cosa si fa durante un Halal festival? Molti esperti parlano di cinque settori principali dell’economia halal: food&beverage, fashion, farmaceutico/cosmetico, turismo e finanziario. I primi quattro sono rappresentati nel corso del festival, mentre l’ultimo, quello finanziario, ha una serata dedicata il giorno prima (14 aprile, vedi sotto).

I visitatori si districheranno tra 150 stand in cui sarà possibile acquistare abiti, prodotti cosmetici e viaggi, scoprire quali sono le novità del settore e farsi un’idea di quanto velocemente il mercato halal si stia espandendo. Un vortice di colori e suoni interrotto da spettacoli di musica, gallerie d’arte, cabaret, discorsi sul modello delle TED talks.

Per gli appassionati di cucina, nella Cookery Court sarà presente Shelina Permaloo, vincitrice di BBC Masterchef. Shelina farà da madrina a una serie di mini eventi, come Hal-A-La Carte, Halal Eats off e laboratori di cucina per bambini. Un’occasione per provare vari esempi di cucine  tradizionali provenienti da diversi paesi musulmani, con un twist moderno. E per chi non conosce il mondo musulmano, un’opportunità per rendersi conto di quanto il mondo musulmano sia variegato al proprio interno sotto ogni punto di vista, incluso quello culinario. Questa sezione del festival va considerata un antipasto del Halal Food Festival, che si terrà il 19-20 agosto ai Tobacco Docks (a poca distanza da Whitechapel, a est della City), e che probabilmente vedrà la partecipazione di alcuni imprenditori italiani, i quali si stanno preparando a vendere i propri prodotti a una fetta di mercato che conta un 1.6 miliardi di consumatori, in crescita.

Una Catwalk con 18 designer, organizzata da Modanisa, completerà il quadro, con uno show di modest fashion che è il seguito naturale della Modest Fashion Week di Londra 2017. Gli organizzatori hanno una speranza: che nei prossimi anni, aziende del fashion italiano, alcune delle quali hanno già massicciamente investito in questo settore, vestiranno alcune delle modelle.

A lato di questo festival, la sera del 14 aprile, dalle 18.00 alle 21.00, si terrà la conferenza di ISFIN (Islamic Finance advisors), azienda di consulenze halal che collabora con gli organizzatori del festival. Durante la conferenza parleranno esperti di branding e finanza islamica, verranno premiate le personalità più influenti dell’economia halal britannica, e sarà possibile parlare con imprenditori, consulenti e investitori, il tutto mentre si sorseggia un mocktail. Una serata per parlare con chi lavora nel settore, prima di lanciarsi nella bolgia di colori, profumi e gusti dei due giorni successivi.

Per comprare biglietti per il London Muslim Lifestyle Show, https://www.muslimlifestyleshow.com/

Se siete professionisti o imprenditori, e volete diventare sponsor, partecipare con la vostra azienda al Festival, o scoprire come partecipare alla serata ISFIN, scriveteci e vi metteremo in contatto con l’organizzazione.

La Finanza Islamica©2017 Ogni diritto sui contenuti del sito è riservato ai sensi della normativa vigente. La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, di tutto il materiale originale contenuto in questo sito (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i testi, le immagini, le elaborazioni grafiche) sono espressamente vietate in assenza di autorizzazione scritta da parte della testata.

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

To Top