Featured News

E’ lussemburghese il primo sukuk denominato in euro

Al Lussemburgo spetta il primato per l’emissione del primo sukuk con denominazione in euro. Questa iniziativa si inserisce nella strategia attuata dal paese nel concorrere con Londra per essere il centro occidentale della finanza islamica. Il titolo è di 200 milioni di euro, di 5 anni la durata e sarà quotato sul mercato lussemburghese Euro-MTF del Luxembourg Stock Exchange (LuxSE).

Il Granducato, che gode di un’economia forte e stabile (rating AAA), è il primo paese dell’Unione Economica e Monetaria a emettere un titolo di stato basato sui principi dell’economia islamica. Successivamente all’approvazione della legge sui sukuk, il 12 Luglio 2014, due squadre delegate dal governo hanno cominciato il roadshow per sponsorizzare il titolo, visitando le principali piazze finanziarie islamiche: Arabia Saudita, Abu Dhabi, Dubai, Kuala Lampur, Qatar, e infine Londra.

Il sukuk è stato emesso martedì 30 settembre, secondo quanto annunciato dal Ministero delle Finanze nel suo comunicato ufficiale, e dopo alcune oscillazioni iniziali il prezzo è stato fissato ad un tasso di profitto del 0,436%, registrando un portafoglio ordini doppio rispetto alla richiesta. Anche questo sukuk, quindi, ha superato ogni aspettativa, e ha trovato grande accoglienza da parte di banche centrali, istituzioni ufficiali, istituti bancari e asset managers.  In tutto i sottoscritori sono stati 29, provenienti per il 61% dal Medio Oriente e Nord-Africa, seguiti dall’Europa col 20%, e l’Asia col 19%.

A curare questa iniziativa sono stati LuxCSD e Euroclear/Clearstream, mentre le banche coinvolte sono HSBC, BNP Paripas, Banque Internationale à Luxembourg e QInvest.

La liquidità raccolta, precisa il comunicato, verrà utilizzata per finanziare varie spese di budget.

 

 

 

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

To Top